il Kaki-age della Scimmia Cruda – MTChallenge di giugno

Pin It

da qualche mese mi sono buttata anche io in questa sfida :) (le mie proposte per le sfide di marzo, aprile e maggio)

e vi dirò…l’idea di trovarmi a preparare ricette scelte da altre persone, mi intriga parecchio ;)

quindi, eccoci qua con la ricetta proposta per il mese di giugno:

MTChallenge di GIUGNO- la ricetta della sfida è...

il KAKI-AGE, il tenpura delle casalinghe.

L’autrice è Aquaviva e QUI trovate il link alla sua ricetta che vi riporto anche qua con in rosso corsivo le mie modifiche ;)

Bakushu kaki-age – Frittelle giapponesi di inizio estate

ingredienti per  circa 8-10 pezzi per ognuno dei due gusti:

  • 1 seppia intera da circa 400 gr. io ho messo invece dei gamberetti, circa 300 g
  • 1/2 zucchina
  • 1 piccola cipolla novella nella mia versione: 1/2 cipolla rossa di Tropea
  • 6 o 7 taccole bianche, in totale circa 60 gr. niente taccole
  • 2 rapanelli niente rapanelli
  • 1 piccola carota
  • 1/2 cucchiaio di semi di sesamo bianchi niente semi di sesamo
  • sale

1 lt.di olio di arachidi, profumato con 1 cucchiaino di olio di sesamo in casa avevo dell’olio di semi di girasole, ho usato quello

per la pastella (koromo):

  • 125 gr. di farina 00 a basso contenuto di glutine (hakurikiko), + qualche cucchiaio per infarinare
  • circa 200 ml. di acqua ghiacciatissima (ideale è lasciarla in frigo con qualche cubetto di ghiaccio fino a che si è sciolto)
  • 1 tuorlo d’uovo

per la salsa (tentsuyu): io ho preferito, tanto per restare sul leggero :D , una maionese fatta in casa ;) trovate la ricetta QUI

  • 120 ml. di dashi (brodo di alghe kombu e fiocchi di tonnetto secco)
  • 30 ml. di salsa di soja
  • 30 ml. di mirin (vino dolce di riso)
  • 3 gr. di katsuobushi (fiocchi di tonnetto secco)

per il sale aromatico (go mijio matcha): omesso….la maionese è già bella saporita di suo ;)

  • 1 cucchiaio di sale marino in fiocchi
  • 1/2 cucchiaino di tè verde matcha in polvere

Per la pastella di solito si usa acqua in quantità doppia della farina, ma il segreto sta nel setacciare un paio di volte con cura la farina e versarla in un contenitore trasparente, quindi disporre il tuorlo in un uguale recipiente e versarvi sopra tanta acqua ghiacciata quanta ne serve per raggiungere lo stesso livello della farina. La vera dose dell’acqua dipende dalla dimensione del tuorlo, nel mio caso per 125 gr. di farina ho usato 180 ml. di acqua ghiacciata.

Sbattere l’uovo con l’acqua (usando un paio di bacchette di bambù..ehm…le bacchette di bambù mi mancano..ho usato la frusta ;) ) e quando è ben amalgamato unirvi  in un solo colpo la farina setacciata.

Mescolare lentamente e per poco tempo, per evitare che la pastella diventi collosa, non importa se restano dei grumi.

Ho sbucciato la cipolla rossa e l’ho tritata a pezzettoni, ho lavato e tagliato a cubotti la zucchina e la carota.

A parte ho fatto scongelare bene i gamberetti.

Ho aggiunto una spolverata di farina a tutti gli ingredienti.

Ho poi separato la pastella in due ciotoline, nella prima ho messo i gamberetti e nella seconda le verdure, ho aggiunto un pizzico di sale in entrambe le ciotole .

Scaldare l’olio in un wok o un pentolino dai bordi alti, portandolo a 170°. (La temperatura ideale è raggiunta quando una goccia di pastella lasciata cadere nell’olio affonda fino a metà altezza e poi torna a galla. Se galleggia e dora subito l’olio è troppo caldo, se tocca il fondo e fatica a risalire la temperatura è troppo bassa. Per tenere la temperatura costante conviene friggere sempre pochikaki-age per volta.)

Friggere prima a cucchiaiate la miscela colorata di sole verdure, non più di due o tre frittelle per volta, poi quella bianca contenente la seppia (gamberetti nel mio caso), rivoltandole un paio di volte nell’olio.

Levare le frittelle quando sono croccanti ma ancora chiare, con le bacchette o una pinza perché perdano più olio possibile, ed adagiarle su carta assorbente. Ci vorranno circa un paio di minuti di cottura per quelle di verdura, qualche secondo in più per quelle di seppia. (Levare dall’olio eventuali briciole di pastella prima di calarvi le frittelle successive ed assicurarsi che la temperatura rimanga più costante possibile.)

ed ecco qua le mie frittelline:

e la maionese home-made:

ciao ciao a tutti


Print Friendly
Pin It

2 thoughts on “il Kaki-age della Scimmia Cruda – MTChallenge di giugno

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>